Clicca e ascolta Manzanilla!

Mercoledì 28 Giugno 2017
Live
Recensioni
Notizie
Dischi
Foto
Video
Area Stampa
REGINA MAB

"Ma il più grande di quei quattro stronzetti francesi, non c'è dubbio: era Lacoste"

BIOGRAFIA
I Regina Mab vantano un percorso artistico di oramai 3 lustri. Nel corso del loro viaggio musicale hanno avuto il piacere di condividere il palcocon artisti come Bluvertigo, Quintorigo, Delta-V, Pitch , Marta sui Tubi, Moltheni, Cesare Basile, dando vita a una discografia variegata. Dai primiacerbi lavori di fine anni 90 , "Rupert" del 2003, in cui già si intravede il germinare di una scelta che porterà nell’arco di pochi anni all’adozionedel teatro canzone come forma espressiva prediletta per le esibizioni live.Nel 2006 esce infatti "booq" per l'etichetta Manzanilla MusicaDischicon distribuzione nazionale Audioglobe e dal 2007 i Regina Mab, ossequiando finalmente il nome che portano, intraprendono un percorsonuovo, senza abbandonare il vecchio. Il nuovo progetto pesca a piene mani dall’esperienza di Gaber, accostandosi ad un modo di “raccontarestorie” che unisce musica e parola recitata.


Nel 2007 esce quindi "Palle da Tennis" reading/concerto acustico su disco, le storie e le mirabolanti avventure dei tennisti dei primi anni 20 e 30. Sempre per l'etichetta Manzanilla Musica Dischi: il disco si dimostra viatico per numerose soddisfazioni. Lo spettacolo viene rappresentato indiverse location in tutto il nord e centro Italia ottenendo sempre l’apprezzamento del pubblico.Nel 2010, il 25 aprile, esce, sempre per i tipi della Manzanilla, “Col Sole In Fronte”: anche questa volta uno spettacolo a cavallo tra musica eteatro ma con i toni più emozionanti e commoventi della storia di una donna coraggiosa.



DISCOGRAFIA
1996: Regina Mab - 1996
1999: una cosa siMile non te la sei neanche Mai sognata
2003: Rupert
2003: MusicAlive#Uno - compilation
2005: Otto – Singolo
2005: Verona Aid Concert - compilation
2006: booq (Manzanilla Musica e Dischi/ Audioglobe)
2007: Palle da Tennis (Manzanilla MusicaDischi)
2010: Col sole in fronte (Manzanilla MusicaDischi)
2015: Piani di accumulo di rabbia e di coraggio (Manzanilla MusicaDischi)



FORMAZIONE
Franco Manzini: voce; Nicola Tonin: chitarra; Gabriele Giuliani: chitarra, voce; Matteo Micheloni: batteria; Michele Perazzoli: basso



PROGETTI ACUSTICI
- “Essere così” con Teddy Giuliani: liberamente tratto da Manfred di Lord Byron
- “Palle da Tennis”: mirabolanti e affascinanti storie dei tennisti dei primi anni 20-30 (Langlen, Tilden, Lacoste, Borotra e altri)
- “Col sole in fronte”: la storia di Rita Rosani, donna coraggiosa
- “77-82: gli anni che hanno cambiato il mondo”: excursus musicale e storico.
- “Cinemab”: excursus musicale nel mondo delle colonne sonore attraverso la teoria dei 6 gradi di comparazione
- “I racconti del tannino: storie di vino"



Altre informazioni
www.manzanilla.it/reginamab/
www.reginamab.it

VAI ALLE PAGINE DEGLI SPETTACOLI



Cinemab


I racconti del tannino


77-82: Gli anni
che hanno cambiato il mondo

Palle da tennis


Col sole in fronte



DISCHI COMPATTI

Regina Mab - Piani di accumulo di rabbia e di coraggio
Piani di accumulo di rabbia e di coraggio
(Manzanilla MusicaDischi, 2015)
1) Il Sogno del Meschino
2) L’Incendio
3) Quando
4) La Grande Città
5) Quattro Monetine
6) La Canzone del Bambino Coraggioso
7) Prima dello scontro fisico
8) Seconda Colazione
9) Forse Tu
10) Argentina
11) I.o.d.l.
12) Lo Speculatore
13) Bordò
14) Contate
15) La Parte Migliore
16) musica per il teatro atto V
Regina Mab - Col sole in fronte
(Manzanilla MusicaDischi, 2010)
1) Introduzione - La libertà (G. Gaber, Luperini)
2) Banali giornate di guerra - Sono soddisfatto (Regina Mab)
3) 25 luglio '43 - Musica per il teatro Atto III (Regina Mab)
4) Contestualizzare, storicizzare - Sono soddisfatto (Regina Mab)
5) La razza - Voglio vivere così (G. D'Anzi, Manlio)
6) Senza rose (Regina Mab)

7) Partigiana - Sono soddisfatto (Regina Mab)
8) Sul Monte Comun - Non so difendere (Regina Mab)
9) Rita (Regina Mab)

10) Avevamo paura - My generation (Pete Townshend)
11) Tedeschi!!! Tedeschi!!! - Teadrop (Massive Attack)
12) Epilogo - La libertà (G. Gaber, Luperini)
Regina Mab - Palle da Tennis
(Manzanilla MusicaDischi, 2007)
1) Intro - Il due (Regina Mab)
2) Il Basco - Boum (Charles Trenet)
3) Gioie del mio regno (Regina Mab)
4) Cochet - Ouzo (Regina Mab)

5) Maitre a penser (Regina Mab)
6) Tilden VS Lacoste - Eden breakfast party (Regina Mab)

7) Il coccodrillo - Sornatorelfolz (Regina Mab)
8) “Big Bill” - The man i love (George & Ira Gershwin)
9) Noir (Regina Mab)
10) La divina - Billie (Regina Mab)
11) Dick Williams - Soltanto un'onda elettrica (Regina Mab)
12) Game Set and Match - Time (Tom Waits)
LEGGI LE RECENSIONI

In vendita anche presso Fnac Verona Verona
Booq
(Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe, 2006)
1) senza rose
2) non per il cuore
3) come ti salvo la vita

4) le ricette di tua madre
5) all'anima
6) formiche
7) ora di punta
8) l'angolo dell'occhio
9) gioie del mio regno
10) l'uomo che voleva distruggere il mondo
11) noir
12) soltanto un'onda elettrica/musica per il teatro atto III

RECENSIONI

Arena recensisce Regina Mab live - Col sole in fronte


ARENA - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)

La Rosani in musica e parole
Un omaggio che commuove
Grande affluenza per «Col sole in fronte» dedicato alla partigiana ebrea uccisa dai nazisti

Un´immagine della partigiana triestino-veronese Rita RosaniIntendono il fare musica un atto spontaneo come respirare, e ci riescono talmente bene da far ossigenare all'unisono i polmoni e la mente degli spettatori. Al Teatro Laboratorio all'Arsenale, per la rassegna «Risorgere» (organizzata da Isabella Caserta e famiglia), il gruppo veronese indipendente pop rock regina mab ha entusiasmato il folto pubblico con la narrazione-concerto «Col sole in fronte» in cui il cantante-attore Franco Manzini, voce e mentore della formazione, ha fatto sì che il cuore della maestra che, triestina di origine ebraica trapiantata a Verona, divenne partigiana sul Monte Comun dove fu uccisa nel 1943 in un'imboscata tedesca, tornasse a battere.
Gabriele Giuliani (chitarra e voce), Nicola Tonin (chitarra e voce, Matteo Micheloni (batteria), Michele Perazzoli (basso) sono i concertatori dell'energetica compagnia di suonatori-sognatori che hanno aperto e chiuso la serata con la canzone di Giorgio Gaber La libertà a mo' di inno, e dato consistenza di sceneggiatura alla vicenda inquadrandola storicamente nel periodo bellico a cui appartiene (la seconda guerra mondiale) attraverso gli avvenimenti quotidiani della gente comune, tra cui i Rosani: la famiglia, lo sport, il lavoro, gli amici, gli ideali.
Originalità e profondità di pensiero contraddistinguono la band e la commistione di racconto, foto d'epoca proiettate sullo sfondo e cover di pezzi storici made in Britain (My generation degli Who e Teardrop dei Massive Attack) ha prodotto come risultato una specie di effetto-calamita sulla gente attonita, stregata dalla genuinità del commovente recital e dalla capacità di Manzini di parlare la lingua franca dell'intesa. M.P.


(data: 19.05.11)

Audiodrome recensisce 'col sole in fronte'


AUDIODROME - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
Prosegue la fortunata serie di dischi e relativi concerti, e viceversa, iniziata con Palle Da Tennis del 2007, spettacolo registrato poi su cd e riguardante gli anni d’oro del tennis, commistione di attitudine cantautorale, citazionista, rivisitatrice, tra canzoni e reading. Come uno spettacolo di Paolini, ma con maggior spazio riservato alla musica. Identico percorso compie Col Sole In Fronte, registrato all’Emporio Malkovich il 25 febbraio 2010. Tra invenzioni sonore, recitati ispirati e un collage/rielaborazione di pezzi più diversi – “Teardrop” dei Massive Attack, “My Generation” di chi ben sapete o “La Libertà” di Gaber – si articola la storia scritta da Paolo Ragno e riadattata da Franco Manzini, cantante e leader dei Regina Mab. Al centro di tutto, Rita Rosani, maestra elementare triestina, ebrea, partigiana e uccisa su Monte Comun. Eroina a cui sono intitolate tante strade nel veronese che davvero bene nessuno ricorda, così come troppo sbiadisce il terrore di quegli anni e le gesta di chi, di fatto, ci ha ridonato la libertà, una cosa che oggi quasi pare superfluo sottolineare, atteggiamento foriero di danni la cui portata, purtroppo, sarà valutabile solo in futuro. Al di là di ciò, è impregnato di vita e del valore enorme della stessa l’appassionato show messo su dai Regina Mab. Cattura e ferisce, attanaglia e infonde coraggio, senza momenti di stanca o cali di tensione narrativa. Intenso davvero.
Giampaolo Cristofaro (data: 07.01.11)

Beat Magazine recensisce 'Col sole in fronte'


BEAT MAGAZINE - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
In bilico fra concerto e reading, questo album è la testimonianza dello spettacolo acustico tenuto dalla band veronese sui testi di Paolo Ragno dedicati ad un'eroina della resistenza veronese: un'idea originale ed ambiziosa, un disco che punta sulla memoria nazionale ponendola in maniera ironica e non per forza seriosa. Nello scorrere del brano non mancano le cover, fra cui La Libertà di Gaber (che apre e chiude la tracklist), My Generation dei The Who e Teardrop dei Massive Attack, mentre per il resto lo stile dei Regina Mab è quello del combat folk nostrano. Un disco che vale comunque più per il valore dei contenuti che per altro, forse più come ricordo della serata che come opera a sé.
A.L. (data: 22.12.10)

Rockerilla recensisce 'Col sole in fronte'


ROCKERILLA - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
Terreno quanto mai insidioso quello del teatro-canzone.
Lo dimostra lo spettacolo allestito dai veronesi Regina Mab intorno alla vicenda di un'eroina della Resistenza, la maestra elementare Rita Rosani, una storia che in tutta franchezza risulta qui penalizzata da un impianto musicale piuttosto povero al quale non giovano più di tanto nemmeno le inserzioni dei temi de "La libertà" (Giorgio Gaber), "My generation" (Who) e "Teardrop" (Massive Attack).
Ci provano i testi a riscattare la mediocrità delle musiche originali e (vogliamo almeno immaginare) la presenza scenica del gruppo sul palco, ma allora sarebbe stato certamente più utile ricavare un dvd dallo spettacolo dal invece è stato tratto questo live.
Elio Bussolino (data: 13.12.10)

SentireAscoltare recensisce 'Col sole in fronte'


SENTIREASCOLTARE - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
Non sarà la Compagna Teresa del Teatro degli Orrori la Rita Rosani protagonista di questo disco-concerto dei Regina Mab, ma può comunque vantare solide radici nell'identico immaginario. Quello della Resistenza al femminile, sconosciuta ai più ma essenziale esattamente come quella al maschile nel determinare le sorti di un conflitto come la Seconda Guerra Mondiale tra 1943 e 1945 in Italia. Con da un lato la Repubblica di Salò sostenuta da fascisti e tedeschi e dall'altro i partigiani – tra cui, appunto, “la Rita” -, nel caso specifico quelli che militavano nelle brigate attorno a Verona.

Con la scusa dell'inquadramento biografico i Regina Mab ricostruiscono il tono generale del periodo, grazie a un disco capace di mescolare narrazione, musica, dettagli storici e parti recitate. Il tutto in dodici capitoli da far corrispondere ad altrettante parentesi suonate, queste ultime valorizzate da brani autografi e cover debitamente ricontestualizzate. A testimonianza, una Teardrop dei Massive Attack in cui si accosta il beat coronarico del brano originale al momento della morte o una My Generation degli Who il cui verso "I hope I die before I get old" risuona macabro tra i partigiani confinati sul monte Comun e pronti ad affrontare le “People try to put us down” in divisa.

Metafora dell'attualità e ricordo affezionato, documento storico indiretto e teatro, buon esercizio di folk e canzone d'autore, Col sole in fronte ha la rara capacità di emozionare senza suonare retorico e andando oltre prese di posizione ideologiche fini a sé stesse. Piccola gemma da tenersi ben stretta, in una contemporaneità dal revisionismo facile che scambia troppo spesso e con scandalosa naturalezza cause e conseguenze.
Fabrizio Zampighi (data: 09.12.10)

Rockit recensisce 'col sole in fronte'


ROCKIT - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
A tre anni di distanza da "Palle da tennis", i Regina Mab tornano con un nuovo spettacolo. Si intitola "Col sole in fronte" ed è ambientato nell'Italia degli anni 40. Lo stile è lo stesso del lavoro precedente (alternanza di voce recitante con accompagnamento musicale e canzoni vere e proprie), che raccontava vite e manie dei pionieri del tennis, trasformando le loro storie in metafore generali della sfida e delle difficoltà della vita umana. Anche nel nuovo spettacolo, lo sport ha un ruolo importante. Da palle piccole e terra rossa, si passa a palla grande ed erba. È il calcio a far iniziare la storia: non tanto le gesta di qualche giocatore, quanto le reazioni della gente comune a quello che accade negli stadi.

I primi pezzi raccontano di scandali e partite truccate, commentati con le voci degli appassionati al bar. Franco Manzini, cantante e autore dello spettacolo, cala così lo spettatore in un clima di quotidianità, all'interno del quale inserisce gradualmente la storia di Rita Rosani, maestra triestina di vent'anni, di famiglia ebrea. Unendo racconto teatrale e canzoni, i Regina Mab descrivono il precipitare degli eventi: le conseguenze delle leggi razziali, i capovolgimenti della guerra, la resistenza, fino alla morte di Rita e del suo gruppo di partigiani in uno scontro con i nazifascisti.

A differenza del primo disco, nel quale la componente recitata e quella cantata erano del tutto scollegate, "Col sole in fronte" è un lavoro compatto, capace di inserirsi con merito nella tradizione del teatro-canzone. L'influenza di Marco Paolini è grande, soprattutto quando i monologhi virano verso il terreno comune del dialetto veneto, ma si tratta di vicinanza, non di copia o di derivazione. Le dodici tracce, impreziosite da cover canoniche ("La libertà" di Gaber) e sorprendenti ("My Generation" dei Who e "Teardrop" dei Massive Attack), compongono così un racconto coinvolgente, capace di volare alto sia nei momenti leggeri, sia in quelli drammatici, senza mai perdere credibilità. Una coesistenza difficile, ma possibile, come dimostra già la copertina, che sotto il titolo spensierato mostra l'immagine di un muro bucato da fori di proiettile
Marco Villa (data: 02.12.10)

Mescalina recensisce 'Col sole in fronte'


MESCALINA - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
I Regina Mab sono un quintetto veronese già noti al pubblico della nicchia indie per il loro ´Palle da tennis´ (2007) in equilibrio tra reading, musica e spettacolo. Il paradigma si replica in questo documento live dedicato ad una storia degli anni ’40, una vicenda della resistenza triestina che vide protagonista Rita Rosani, maestra elementare ebrea schieratasi con le formazioni partigiane locali e rimasta uccisa nel 1944 in un’azione di rastrellamento.
La vicenda è narrata con precisione storica quasi cronachistica, in qualche passaggio forse anche un po’ prolissa nell’ enumerazione di fatti e date come in ´Senza Rose´, con una tensione costante nella voce e nel ritmo.
I vari brani sono sottolineati da temi musicali specifici e ripresi in diversi momenti: ´La Libertà´ di Gaber accompagna l’introduzione e l’epilogo, ´Sono Soddisfatto´ è un tema arpeggiato e serrato che sostiene i brani più strettamente narrati, ´Voglio Vivere Così´ sorregge il brano ´La Razza´ creando un solco profondo tra coerenza cronologica e contrasto di contenuti; ´Senza Rose´ ha una bella base chitarristica acustica tirata ed iterata, alla fine ´My Generation ´ dei Who e ´Teardrop´ dei Massive Attack fanno da cornice ai momenti più drammatici nei quali il timbro moderno toglie retorica e dà attualità al racconto.
La musica comunque è elemento di quadro e di complemento, importante certamente ma pur sempre accessoria; che la fa da padrone è l’esecuzione tra reading, teatro e canzone di impegno in un mix interessante che tuttavia, a nostro modestissimo avviso, richiede anche l’ingrediente dello spettacolo dal vivo per mantenere alta la tensione.
Racconto commovente, assenza di retorica storica ed ideologica, adesione agli aspetti umani della vicenda fanno di questo ´Col Sole in Fronte´ un episodio originale e degno di attenzione; speriamo di poterlo vivere anche in presa diretta.
Vittorio Formenti (data: 04.11.10)

Ondalternativa recensisce 'Col Sole In Fronte'


ONDALTERNATIVA - Regina Mab: "Col sole in fronte" (2010, Manzanilla MusicaDischi)
Ci sono storie che riviviamo attraverso immagini in bianco e nero, non vediamo i colori e pensiamo che quella rosa, dentro il vaso, non sia rossa o che gli occhi di quella ragazza non abbiano quel riflesso che li fa luccicare.
Il mondo ci sembra così lontano e quello che è accaduto sufficientemente distante dal non essere mai esistito o, senza dubbio, non succederà di nuovo.
Per questo minimizziamo tutto, contestualizziamo troppo, come direbbero gli autori di questo album, privando i gesti del proprio significato e finendo con l'accettare ogni cosa... e il passo per incrociare di nuovo quel mondo rischia d'esser breve.

Questo è in sintesi il concetto, tra l'altro estremamente condivisibile, che sta dietro al nuovo spettacolo del quintetto veronese Regina Mab. Un concetto nel senso di concept e della storia di Rita Rosani vent'enne maestra elementare, ebrea, che si arruolò tra i partigiani e con loro morì ricevendo postuma la medaglia d'oro al valore civile. Un'ora e un quarto di reading, registrato dal vivo nel febbraio 2010, coinvolgente e sentito, accompagato in acustico da due chitarre, basso e batteria, scritto da Paolo Ragno e adattato dal cantante dei Regina Mab Franco Manzini. Manzini che si rivela un ottimo narratore che riesce a tenere ben saldo il filo che collega il passato al presente ma anche entrando nei personaggi e nelle situazioni adattando i toni, i dialetti, le pause e anche i sospiri. L'arrangiamento calza perfettamente con l'atmosfera, la musica sa rimanere in sottofondo quando è necessario fare attenzione alle parole e uscire nei momenti di maggior pathos. Basso e chitarre pizzicati in arpeggi che riescono a sfogarsi a pieno in due cover: My Generation degli Who e Teardrop dei Massive Attack. La prima legata ad un reading di denuncia sulla condizione delle donne o meglio sulla rivendicazione del loro coraggio che in fondo s'adatta bene anche al testo originale. Teardrop fa cadere la sua lacrima nella traccia più dura e poetica allo stesso tempo: quella dell'attacco nazista al Monte Comun, dove si erano rifugiati i partigiani.

In questo genere di musica non può mancare una cover del maestro Gaber ed ecco "La libertà" che inserita ad inizio e a fine spettacolo fa emergere il concetto di partecipazione verso un obbiettivo comune, appunto la libertà. Consiglio a tutti di ascoltare, ancora meglio di andare a vedere, questo reading per capire la storia di ieri e di oggi, lasciandosi incantare dalla narrazione. Il mondo peggiora grazie all'ignoranza, nel senso di ignorare, legata al presente e alla rimozione dei ricordi, ma album come "Col sole in fronte" aiutano a non dimenticare. Nell'undicesima traccia vengono descritti gli ultmi istanti di Rita, supina dopo essere stata colpita, con un raggio di luce che le illumina il volto stampandoci l'immagine a colori di quell'istante.
Gli stessi colori dei nostri giorni.
Syd The Piper (data: 10.10.10)

Fuori dal Mucchio recensisce 'Col sole in fronte'


FUORI DAL MUCCHIO - Regina Mab: "Col sole in fronte" (Lug 2010, Manzanilla MusicaDischi)
Non è la prima volta che i veronesi Regina Mab indagano, attraverso progetti più o meno canonici, pagine sepolte del passato: nel 2007, ad esempio, era uscito “Palle da tennis”, reading/concerto dedicato ai campioni di tennis italiano degli anni Venti e Trenta. Questa volta al centro dell'attenzione una vicenda umanissima che si scontra con le forze della storia, quella di Rita Rosani, maestra elementare di origine triestina, medaglia al valore civile della Seconda Guerra Mondiale, protagonista della Resistenza, il cui percorso umano viene raccontato dal testo di Paolo Ragno, tradotto in spettacolo dal leader della band, Franco Manzini, circondato da una accurata e vivace ricostruzione del contesto storico in un godibilissimo percorso che alterna brani recitati, cover (“La libertà” di Gaber/Luporini, una specie di filo rosso che attraversa il disco, una versione di “My Generation” più che onesta, una “Teardrop” dei Massive Attack sottofondo perfetto per le concitate fasi finali del racconto) e originali con una ottima regia e scaletta. Il tutto è stato registrato dal vivo lo scorso 20 febbraio, e la veste acustica delle canzoni non sfocia mai nei facili trucchi retorici del combat folk, rivelando anzi un deciso eclettismo. Un disco coinvolgente e riuscito, a maggior ragione visto il non facilissimo formato scelto.

Alessandro Besselva Averame (data: 13.09.10)

Blow Up recensisce 'Col sole in fronte'


BLOW UP - Regina Mab: "Col sole in fronte" (Lug 2010, Manzanilla MusicaDischi)
Dice che non si incidono più dischi dal vivo.
Amanti delle controtendenze, gli scaligeri Regina Mab si sono dati da qualche tempo allo sviluppo di performance incentrate su una storia, segnatamente quella dei pionieri del tennis o dell’Italia fra le due guerre: “Col sole in fronte” è la testimonianza su nastro dello spettacolo all’Emporio Malkovich lo scorso febbraio, relato alla figura di Rita Rosani, misconosciuta partigiana ebrea triestina: la band di Franco Manzini si avvale dei testi scritti con Paolo Ragno ed esibiti assieme ad alcune cover inusuali e coraggiose, da Teardrop dei Massive Attack a My Generation delgi Who. I brani originali domostrano ancora una volta come i Regina Mab, con il reading del Novecento dietro a tale frontman, hanno finalmente trovato la strada migliore per esprimersi: Manzini “paolineggia” su Banali giornate di guerra e si mette addosso il vestito di Senza Rose oscillando tra le cronache di pallone e silenzi del presente, i musicisti smerciano liquore discreti, interagendo il dovuto, alto è il valore di questo tributo culturale prima che artistico. Rimane un solo dubbio: quanto è preferibile assistere all’atto, invece di ricavarne un simulacro dall’ascolto del cd? (6/7)
Enrico Veronese (data: 31.08.10)

Arena recensisce 'Col sole in fronte'


ARENA - Regina Mab: "Col sole in fronte" (Lug 2010, Manzanilla MusicaDischi)
Tocca il cuore il reading «Col sole in fronte», dedicato a un’eroina della Resistenza veronese
Perfetti i Regina Mab. Commovente omaggio a Rita Rosani
Ci sono sere in cui tutto sembra perfetto: il tempo, il luogo e l’azione. Il reading dei Regina Mab, Col sole in fronte, all’Hostaria Agli Angeli di Castelrotto di Valpolicella, basato sulla storia di Rita Rosani, eroina della Resistenza veronese, è un esempio compiuto di teatro-canzone che rende una serata memorabile. La musica si fonde alle parole, l’idea al ricordo, e ne esce il ritratto di una ragazza, una maestra elementare ventenne, lontana da noi diverse decadi eppure vicina per slancio giovanile e attitudine - verrebbe da dire - rock, visto il suono del gruppo Regina Mab.
Il testo del reading è composto da Paolo Ragno, amico e collaboratore del sestetto veronese. Ma oltre alle parole sono le canzoni che rendono il senso della vicenda della Rosani, sia quelle scritte dai Regina Mab (nella foto) sia quelle scelte da un repertorio nazionale (Gaber, ovvio forse in una forma di teatro-canzone) e internazionale (Massive Attack, My generation degli Who).
E proprio la Mia generazione scritta dagli inglesi Townshend e Daltrey, rappresenta bene il grido di ribellione di Rita e degli altri partigiani veronesi contro la dittatura nazista-fascista. Ecco, dovrebbero essere questi i nostri eroi, questi ragazzi che, a metà degli anni Quaranta, diedero la vita per la nostra libertà; altro che quelli del Grande Fratello!
E questo spettacolo, allestito in un teatro, dovrebbe essere inserito nel programma di ogni istituto scolastico veronese: mai la storia, quella con la S maiuscola, è risultata più avvincente e commovente.
Giulio Brusati
(data: 31.08.10)

Recensione Music Boom su Palle da Tennis


MUSICBOOM - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Nuova uscita per la label veronese Manzanilla, dopo l'ottimo album dei retro rockers Home.
Palle Da Tennis dei Regina Mab ha tutte le carte in regola per diventare un piccolo classico all'interno della discografia italiana degli ultimi anni. Merito di un tema, quello delle sfide tennistiche a cavallo fra anni '20 e '30, capace di esaltare immaginazione e creatività con le sue storie di epici incontri e i suoi personaggi entrati nel mito. L'impatto simbolico è forte, i Regina Mab lo sanno e alleggeriscono la tensione scherzandoci su, alternando alla narrazione e musica, brani propri e cover (si va da Gershwin a Trenet) che contribuiscono a creare un'atmosfera sospesa nel tempo.

In questo senso l'album, registrato dal vivo alla Corte Rugolin di Valgatara, assume i contorni di un'opera peculiare, divisa brillantemente fra cantautorato, teatro e reading. Si distingue per intelligenza e misuratezza, evita con cura eccessi retorici e macchiettistici, mantendosi sempre nello stretto pertugio della godibilità. Merito dell'interpretazione vocale di Franco Manzini, che guida lo spettacolo con polso fermo e registro ironico, e di una band affiatata, che dal punto di vista strettamente musicale passa in rassegna i luoghi topici della canzone d'autore italiana e internazionale. Eredi di una tradizione che parte da Paolo Conte per approdare ad un'irrequieto combat folk, la musica dei Regina Mab è intrisa tantoo del fascino dei chansonnier francesi quanto del blues metropolitano di Tom Waits (di cui viene eseguita una toccante versione di Time). Ma soprattutto in Palle Da Tennis c'è la voglia di raccontare storie, di recuperare una tensione affabulatrice che per molto tempo ha fatto parte della nostra tradizione ma che oggi è sempre più difficile ritrovare nelle nuove produzioni italiane. Da questo punto di vista i Regina Mab convincono mantenendo fluida la narrazione e conquistando l'alttenzione dell'ascoltatore dal primo all'ultimo minuto.
Gioco, set e partita per loro. Diego OX4 Ballani
Articolo su Musicboom (data: 21.04.08)

Recensione Rockit su Palle da Tennis


ROCKIT- Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
"Palle da tennis" è teatro-canzone per ricreare suggestioni tennistiche dell'inizio del secolo scorso. Personaggi appartenenti più al mito che allo sport, quando il tennis era solo un gioco e gli interessi economici spingevano alla porta e venivano spinti fuori dalla stessa. I veronesi Regina Mab scelgono la via acustica per le gesta di nomi affascinanti, raccontati con enfasi da una voce narrante che sa colpire e trascinare. Le storie di Jean Robert Borotra o Bill Tilden o altri sono epiche ed antiepiche allo stesso tempo, come solo lo sport sa essere: lotta titanica contro il mondo e se stessi che si risolve pur sempre nel buttare una cazzo di pallina gialla al di là di una rete. I Regina Mab riescono a rendere alla perfezione questo sentimento di coinvolgimento assoluto, attraverso una narrazione fluida e ben punteggiata. Questo è il teatro, poi c'è la canzone. Perché purtroppo il neo maggiore di questo lavoro è una sostanziale separazione tra le due anime: i brani veri e propri faticano a compenetrarsi con il macroracconto. Le due componenti corrono accanto e si intrecciano senza impigliarsi, ma non sono organiche l'una all'altra: non si ripete insomma l'alchimia già all'opera con Marco Paolini & Mercanti di Liquore o Enrico Brizzi & Numero 6. Peccato, ma il fatto non pregiudica l'ascolto di una manciata di ottimi pezzi, tra produzioni proprie con forti influenze dei Virginiana Miller acustici e cover di gente come Waits o Trenet. Insomma, funziona e colpisce. E forse è il caso di ascoltarlo senza troppe menate analitiche, come una puntata di Sfide formato LP. Teatro e canzone. Marco Villa
Articolo su rockit.it (data: 27.03.08)

Blow Up recensione Palle da Tennis


BLOW UP - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Evidentemente il tennis dei gonnellini e delle racchette in legno evoca un insospettato immaginario nello sviluppo creativo dei musicisti italiani: prima i Le Man Avec Les Lunettes attraverso la dedica di un ep, ora i dirimpettai gardesani Regina Mab si cimentano con un percorso ben più impegnativo, quale l'apologia in musica dei pionieri Langlen, Tilden, Lacoste, Borotra, registrata dal vivo su un'idea di Franco Manzini.
Un esperimento senza dubbio originale e piacevole anche per il tema, tra grintosa canzone d'autore e fingerpicking sofisticato, polveroso, appena opaco; con l'esposizione testuale un abbondante gradino sopra al cantato, il progetto si lega per propria indole a portar conoscenza in un tour nei teatri auspicabilmente lungo, sul modello dei Mercanti di Liquore. Enrico Veronese

(data mancante) (data: 27.02.08)

Rock Shock recensione Palle da Tennis


ROCK SHOCK - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Un po’ rock d’autore, un po’ teatro: il disco della band veronese è un esperimento curioso e azzardato, ma promosso a pieni voti

Mettiamoci un paio di belle chitarre acustiche, dai giri vibranti ma discreti; aggiungiamoci una voce graffiante, che rivela ottime doti sia quando canta sia quando recita; insaporiamo con qualche pizzico di maledettismo alla Tom Waits e di cabaret alla Paolo Conte. Infine, mescoliamo il tutto con un tema inusuale, ma gravido di spunti, ovvero quello del tennis e dei suoi campioni.
Il risultato che otterremo è questo interessante disco, Palle Da Tennis Live, realizzato dai Regina Mab, gruppo veronese composto da Franco Mancini, Nicola Tonin, Gabriele Giuliani, Matteo Micheloni e Michele Perazzoli.

L’album, che è stato registrato dal vivo alla Corte Rugolin di Valgatara, è un concentrato spiazzante e travolgente di storie di tennisti elevati al rango di divi, raccontati come se fossero i protagonisti di mitiche leggende metropolitane. Questo singolare progetto viene sviluppato con una forma che oscilla dal reading alla musica cantautoriale, ed è proprio grazie a questa commistione di generi, a questa alternanza cantato-recitato, che il corposo materiale di cui è formato il disco riesce a evitare cali di intensità e ad essere ascoltato molto piacevolmente.
Palle Da Tennis Live si divide in due “set”: nel primo ci sono canzoni originali, nel secondo ci sono alcune cover riscritte secondo l’impianto originale del disco (fra tutte, spicca il bellissimo rifacimento di Time di Tom Waits).

I Regina Mab hanno coraggio e originalità, e Palle Da Tennis Live non potrà che farci apprezzare queste loro caratteristiche, sperando che vengano sfruttate per un altro lavoro altrettanto estroso e altrettanto ben riuscito. Sofia Marelli

(data mancante) (data: 27.02.08)

Kathodik recensione Palle da Tennis


KATHODIK - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Dopo quattro dischi ed un EP (e la partecipazione a numerose compilation), i Regina Mab, che amano definirsi “troppo vecchi per essere considerati giovani promesse” ma “troppo giovani e poco noti per potersi definire artisti affermati”, approdano a questo reading acustico che è “Palle Da Tennis”. Lo spettacolo, riproposto in un CD edito dalla Manzanilla MusicaDischi, è incentrato sulle figure di alcuni nomi storici del tennis anni ’20, campioni del calibro di Lacoste, Tilden, Lenglen e così via, e sulle loro vicende personali, spesso incredibili, curiose, singolari.
Musicalmente parlando, non è che ci sia poi molto da dire: le composizioni (tutti originali di Manzini, cantante e voce recitante della band, con le sole eccezioni di Boum di Charles Trenet, The Man I Love di George e Ira Gershwin e Time di Tom Waits) si basano su una strumentazione rigorosamente acustica (ottimo il lavoro dei due chitarristi, Tonin e Giuliani) e su arpeggi raffinati e trame sonore di ascendenza folk. Il principale motivo di interesse dell’LP è costituito dalle storie, raccontate con semplicità, passione, ironia ed un pizzico di poesia, evitando i “pistolotti morali” sul tennis come metafora della vita ed altre banalità del genere ed ottimamente interpretate dal recitato/cantato espressivo di Manzini.
Un lavoro a tratti imperfetto, magari, ma indubbiamente interessante, che riesce nell’impresa di non annoiare, nonostante la predominanza della parola sul resto. Marco Loprete
Articolo su kathodik.it (data: 06.02.08)

Ondalternativa recensisce Palle da Tennis


ONDALTERNATIVA - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Bellissimo esperimento, questo dei cinque Veronesi, Regina Mab, che hanno alle spalle ormai ben 12 anni di carriera ed un vasta produzione discografica, se consideriamo i vari demo, ep e compilation alle quali hanno partecipato; in ambiente live vantano aperture di concerti a band del calibro di Bluvertigo, Quintorigo, Delta-V, Pitch e Marta sui Tubi.
Un’ottima associazione di atmosfere teatrali e chitarre suonate con la tecnica del fingerpicking coniugate ad un tema molto inusuale ed intrigante fanno di questo disco un progetto davvero interessante, non solo per il lato musicale.
“Palle da tennis” questo il nome del disco, registrato dal vivo presso la Corte Rugolin di Valgatara, si presenta sottoforma di reading/concerto e si propone di raccontare le storie e le mirabolanti avventure dei tennisti dei primi anni 20 e 30.
La voce, narrante, dona al disco quell’atmosfera da teatro che si coniuga perfettamente con la tecnica del fingerpicking.
“Palle Da Tennis” si divide in due parti, nella prima troviamo esclusivamente canzoni edite dai Regina Mab, nella seconda compaiono alcune cover come “Time” di Tom Waits, suonate seguendo sempre lo stile dei cinque Veronesi.
Onore ai Regina Mab per aver prodotto un disco cosi originale ed allo stesso tempo estroso. Xunah
Articolo su ondalternativa.it (data: 22.01.08)

Recensione Palle da Tennis su Lascena.it


LA SCENA - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
I Regina Mab, con già alle spalle tre dischi, diverse partecipazioni a compilation e aperture di concerti a gruppi come Quintorigo, Moltheni, Cesare Basile e molti altri, pur se non ancora conosciuti dal grande pubblico, continuano a lavorare con grande professionalità nell’underground, proponendo prodotti di ottima qualità. Per quest’ultima fatica i cinque veronesi hanno appeso momentaneamente al chiodo le chitarre elettriche per uno spettacolo di reading, tutto rigorosamente in acustico. I Regina Mab per l’occasione hanno voluto omaggiare non solo il tennis ma in particolare i personaggi che ne sono stati protagonisti durante gli anni ’20 e ’30 del ‘900, i relativi ambienti e di riflesso anche la società dell’epoca.
Sicuramente anche coloro che non sono appassionati di questo sport si lasceranno affascinare da questi brani, grazie all’ottima verve didascalica del cantante Franco Mancini, capace di offrire all’ascoltatore, con pochi spunti descrittivi, l’ambientazione, le fatiche, le frustrazioni ed i sogni di gloria di quei gloriosi atleti.
Musicalmente ci troviamo dalle parti di un folk acustico, a volte con spunti di tango, con omaggi sparsi a Trenet, Gershwin e Tom Waits.
Lo spettacolo è stato diviso in due parti, pardon in due set, rispettivamente di sette e cinque brani. Buona partita a tutti. Vittorio Lannutti
Articolo su Lascena.it (data: 14.12.07)

Palle da Tennis su L'Arena


L'ARENA - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
MADE IN VERONA. UN DISCO RIUSCITO
«Palle da tennis», il set vincente dei Regina Mab
Cd e reading girano l’Italia: il 19 fanno tappa alla Fnac

È tra la decina di dischi più riusciti dell’underground veronese dell’anno appena trascorso. Ma non solo. Palle da tennis, su etichetta discografica Manzanilla, non si limita ad essere un cd ma è anche il resoconto di un reading (canzoni e recitato) che i Regina Mab portano in giro per l’Italia da tempo con notevole riscontro di pubblico e critica. E il loro reading piace così tanto che sono già fissate le prossime date, da qui fino alla fine di marzo: sabato prossimo a Chioggia, il 19 gennaio alla Fnac di via Cappello, il 25 a Vercelli e il 26 a Milano.
Lo spettacolo, anche su cd, è davvero godibile: sfilano le vicende avvolte nel mito di giocatori di tennis («Uno sport strano; non c’è pareggio: o vinci tu o vince lui») come Jean Robert Borotra, un francese di origine basca e del "coccodrillo" Reneé Lacoste, protagonista di «quella vittoria in Coppa Davis nel 1927», quando la Davis non si chiamava ancora così, quando, in in un match storico, Big Bill Tilden fu sconfitto dal francese con «palle morbide e centrali» (anche perché «si scoprì poi che Lacoste studiava Tilden da mesi»).
Si susseguono le storie dei "quattro moschettieri francesi del tennis", tra i quali Henry Cochet e Monsieur Couzon; della «Divina, Suzanne Rachel Flore Lenglen, che giocava come un uomo» e che nel 1926, «l’ultimo suo anno a Wimbledon, la combina davvero grossa», lasciando la regina inglese Mary ad aspettarla in tribuna, mentre lei dorme in albergo; la Divina che poi viene costretta a lasciare per l’asma, aprendo «una scuola di tennis fondata sui dettami della danza».
E poi Dick Williams, che si salva dal naufragio del Titanic per approdare agli U.S. Open, riuscendo poi a vincere un set per 6-0 con Tilden in poco più di 5 minuti. In mezzo, le canzoni dei Regina Mab (Eden breakfast party, la meravigliosa Soltanto un’onda elettrica), e altre prese dal repertorio di Charles Trenet (Boum), Billie Holiday (The man I love) e Tom Waits (Time).
Giulio Brusati

(data mancante) (data: 30.11.07)

Recensione Kronic su Palle da Tennis!


KRONIC - Regina Mab - "Palle da Tennis" (2007, Manzanilla MusicaDischi)
Game, set, match!
Da un’idea di Franco Manzini – voce cantante e recitante del gruppo - nasce “Palle da tennis”, uno spettacolo che - dopo una stagione di live in diverse città dell’Italia settentrionale – prende forma su disco grazie all’intraprendenza della label Manzanilla MusicaDischi.
La proposta dei Regina Mab si può collocare a metà strada tra il concerto acustico ed un vero e proprio reading. La musica accompagna e fa da sfondo ad un racconto ben articolato, che trae spunto dalle mitiche vicende tennistiche degli anni ’20 e ‘30. Personaggi pionieristici, storie e aneddoti di un periodo per certi versi straordinario, danno modo alla band di seguire un percorso metaforico dagli aspetti sarcastici ma anche di profondo significato.
L’album è diviso in due parti, o meglio, in due set. Nella prima ci sono quasi esclusivamente brani originali, mentre nella seconda i Regina Mab si appoggiano anche su delle cover adattate per accompagnare la narrazione. Ecco così spuntare “The Man I Love” dei fratelli Gershwin e la splendida e conclusiva “Time” di Tom Waits.
La voce di Franco è supportata da una musica acustica che non invade mai lo spettro narrativo, cosicché - restando in secondo piano gli arpeggi delle chitarre di Nicola Tonin e Gabriele Giuliani, il basso dal timbro opaco di Michele Perazzoli e la minimale batteria di Alberto Franchini - emergono con maggior splendore le alchimie e le singolarità dei vari Lacoste, Cochet, Borotra: uno spasso.
Un progetto sicuramente fuori dal mucchio, che abbina alla buona dose d’esperienza una visione cantautorale indubbiamente originale e molto piacevole. Roberto Paviglianiti
Articolo su kronic.it (data: 30.11.07)

L'Arena recensisce ''Col sole in fronte''


L'ARENA
Regina Mab - "Col sole in fronte" live
Tocca il cuore il reading «Col sole in fronte», dedicato a un’eroina della Resistenza veronese
Perfetti i Regina Mab
Commovente omaggio a Rita Rosani

Ci sono sere in cui tutto sembra perfetto: il tempo, il luogo e l’azione. Il reading dei Regina Mab, Col sole in fronte, all’Hostaria Agli Angeli di Castelrotto di Valpolicella, basato sulla storia di Rita Rosani, eroina della Resistenza veronese, è un esempio compiuto di teatro-canzone che rende una serata memorabile.
La musica si fonde alle parole, l’idea al ricordo, e ne esce il ritratto di una ragazza, una maestra elementare ventenne, lontana da noi diverse decadi eppure vicina per slancio giovanile e attitudine - verrebbe da dire - rock, visto il suono del gruppo Regina Mab.
Il testo del reading è composto da Paolo Ragno, amico e collaboratore del quintetto veronese. Ma oltre alle parole sono le canzoni che rendono il senso della vicenda della Rosani, sia quelle scritte dai Regina Mab (nella foto) sia quelle scelte da un repertorio nazionale (Gaber, ovvio forse in una forma di teatro-canzone) e internazionale (Massive Attack, My generation degli Who).
E proprio la Mia generazione scritta dagli inglesi Townshend e Daltrey, rappresenta bene il grido di ribellione di Rita e degli altri partigiani veronesi contro la dittatura nazista-fascista. Ecco, dovrebbero essere questi i nostri eroi, questi ragazzi che, a metà degli anni Quaranta, diedero la vita per la nostra libertà; altro che quelli del Grande Fratello!
E questo spettacolo, allestito in un teatro, dovrebbe essere inserito nel programma di ogni istituto scolastico veronese: mai la storia, quella con la S maiuscola, è risultata più avvincente e commovente. (g.br.) Giulio Brusati (L'Arena 13 maggio 2007) (data: 13.05.07)

Rockerilla adocchia Booq


ROCKERILLA
Regina Mab - "booq" ( 2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe)
Attivi ormai da dieci anni, i veronesi Regina Mab escono con il loro primo albo vero e proprio, il primo cioè, a differenza delle prove precedenti, ad avere un’etichetta di supporto (Manzanilla MusicaDischi) e una distribuzione ordinata (Audioglobe). L’albo è l’occasione tanto attesa, una vetrina in cui mostrare le proprie migliori inclinazioni: un rock dai chiari lineamenti pop, sporcato qua e là da chitare distorte, che non si tirano indietro quando è tempo di accelerare (“non per il cuore”, “le ricette di tua madre”), senza disdegnare passi più riflessivi (“l’angolo dell’occhio”, “noir”).
Approccio cantautoriale nei testi, a volte forse un po’ troppo sopra le righe, ma che vivono di un’apprezzabile tensione narrativa. Marco Castrovinci

(data mancante) (data: 31.01.07)

Recensione Booq su Lascena.it


LASCENA.IT (25-01-2007)
Con questo “Booq” i Regina Mab esordiscono a livello ufficiale, anche se vantano già una discreta produzione con tre album autoprodotti e una manciata di demo. Provengono da Verona e, senza pretesa alcuna di strafare, propongono un ottimo pop-rock, piacevole e dignitoso. Accostabili, in particolare per le molodie ai Negramaro, si esprimono molto bene con le chitarre, sia quando riescono abilmente ad intrecciarle, come nella serrata Non per il cuore, sia quando la sei corde preferisce prendersi un acido ed intraprendere un bel viaggio nei meandri di un blues-stoner, come nella breve ed intensa Ora di punta o nella percussiva Le ricette di tua madre. Qua e là dispensano buon funky, miscelandolo di volta in volta con il pop (All’anima) o con un tirato rhythm’n’blues (Senza rose).
Il quintetto veronese non pago di ciò, dà la sensazione di sentirsi stretto nella formula pop, in particolare quando ad un brano come Gioie del mio regno preferisce cambiare visibilmente registro stilistico attribuendogli un bizzarro finale dalle affascinanti e incandescenti tinte jazz-free hardcore.
Tra i testi, quello che merita un approfondimento è Formiche, per il suo richiamo alle problematiche dell’inquinamento, ma senza retorica e con una giusta dose di ermetismo. Come dicevamo all’inizio, niente di nuovo sotto il sole: a suo modo un ottimo pop-rock, ben curato ed interessante, proprio perché si lascia contaminare da generi d’impatto meno immediato. Vittorio Lannutti
Articolo su Lascena.it (data: 24.01.07)

Rece: Sentire Ascoltare su Booq


SENTIRE ASCOLTARE Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe) Verona e dintorni, per i Regina Mab, sono sinonimo di rock urticante, spesso poco convenzionale, impastato di chitarre elettriche rigorose, sottomesso ad una perseverante vena cantautorale, ironico ed energetico, trascinante e ruvido al punto giusto. Una formula che in virtù delle strutture armoniche fluttuanti sa trasformarsi anche in pop dal notevole appeal, come del resto in un dispiego volontario di prolissi assalti melodici (il debordìo sonico di Formiche). Il dato da rilevare, in questo caso, è forse la facilità con cui il gruppo riesce a gestire le difformità che ispirano il suono, conciliando testi in italiano a ritmiche dispari – In Come ti salvo la vita i Sux! di Giorgio Ciccarelli vanno a braccetto con la Sweet Jane di Lou Reed -, fondendo leggerezze jazz e overdrive compressi come sardine – la tromba e i il riff magmatico di Ora di Punta -, perdendosi in fumose atmosfere da night-club (L'angolo dell'occhio). Un procedere in linea retta che ha l'unico difetto di tergiversare – talvolta troppo a lungo - tra le miriadi di note che escono dagli amplificatori, col pericolo di nascondere l'evidente personalità sotto un coacervo di idee e spunti sparsi. Piccolezze che rischiano di far passare un progetto pur degno di nota per il “solito” dischetto indie.
di Fabrizio Zampighi
Articolo su www.sentireascoltare.com (data: 15.01.07)

MusicaRoma Underground


MUSICAROMA UNDERGROUND
Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe)
I Regina Mab nascono su, a Verona, nel 1995 ed hanno alle spalle una discografia abbastanza continua, tra demo, ep, singoli oltre ad aver aperto concerti per Bluevertigo, Quintorigo, Cesare Basile, Marta Sui Tubi. Questo è il primo disco ufficiale uscito per Manzanilla e distribuito per Audioglobe. Loro nella bio ci dicono che il cd è semplice, che non è un cd di protesta, non ci sono messaggi subliminali, non è contro niente ma è sincero, ecco. Bene. Sarò sincero anche io: il disco non mi piace. Siamo di fronte a un prodotto di quello che si suol chiamare rock italiano con le inluenze classiche, un po' di Pearl Jam, un po' di Timoria, Marlene Kuntz e via dicendo. Ma non bastano le influenze, ci vogliono le canzoni e non ci sono, c'è solo un brano che spicca su 12, "Noir", bello, suadente, libero e il finale strumentale di "Soltanto Un'onda Elettrica". (Tra l'altro devo dire che ho trovato delle somiglianze paurose con i nostrani Ondamedia). Il resto è tutto troppo già sentito, trito e ritrito, ho fatto una fatica immane ad ascoltarlo 4/5 volte per intero. Ho pensato che dovevo concedergli un altro ascolto e poi ancora un altro perchè doveva esserci qualcosa che poteva andare, e invece niente, alla fine mi sono dovuto arrendere all'evidenza della noia. Mi spiace perchè il cantante ha una gran bella voce, ma non è sufficiente, senza la musica non c'è bella voce che tenga. Rimandati. D.N.
Articolo su musicaroma.it (data: 10.01.07)

Rocksound giudica Booq


ROCKSOUND
Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe)
A Verona "booq" si scrive minuscolo perchè deve essere così sia al contrario che allo specchio. Eppure musicalmente il cantante Franco Manzini e gli altri quattro del combo dei Regina Mab nè vanno indietro, nè si riflettono in immagini di mero apparire.
Questo è puro rock italiano della qualità migliore. Tra riflessioni personali e sulle realtà bugiarde del mondo che ci circonda, il quintetto passa con armonia dalla melodia al tiro più spinto senza perdere mai la propria personalità.
BV (data: 10.01.07)

Recensione Booq su Kronic


KRONIC - Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe) / Rock a due facce
"booq". Palindromo. Lo si legge sia da un parte che dall`altra. Nome quanto mai significativo per inquadrare il quarto lavoro dei veneti Regina Mab. Diciamo quarto perchè ci piace l`idea di considerare "validi" anche i dischi precedenti, seppur privi di etichetta e distribuzione. Però quando c`è del lavoro (che ci riporta indietro tra l`altro fino al 1996), è bene apprezzarlo.
Proprio come “booq” Il pop rock dei Regina Mab si presta ad una duplice lettura. Gioca sugli equilibri dati dalla solidità della base ritmica e dal continuo parlarsi delle due chitarre che donano al tutto una discreta solidità d`ascolto. Ed "equilibrio" è appunto la parola magica. Laddove riescono a trovarlo i nostri dimostrano una buona propensione melodica ("Gioie del mio regno"), ottime capacità compositive ed una convincente compattezza di suono ("Le ricette di tua madre").
Duplice lettura, si diceva. In booq, rovescio della medaglia sono gli eccessi melodici che ne imprigionano il suono e l`energia, ammorbidendolo ed annacquandolo forse un pò troppo. Strade senza uscita dalle quali speriamo i Regina Mab sappiano tirarsi fuori seguendo il sentiero (più Pearl Jam, meno Negramaro) che li ha portati ad episodi molto meno elaborati ma dal notevole impatto e dall’indiscussa purezza (“Ora di Punta”). Emmanuele Margiotta (data: 02.01.07)

Rece Booq su Losingtoday


LOSINGTODAY - Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe)
“booq” e il primo e il quarto album dei Regina Mab: il primo ad avere un’etichetta ed una distribuzione, il quarto di una carriera cominciata a Verona nel 1996 e fatta di dischi autoprodotti e compilation, ma segnata soprattutto dell’esperienza di dieci anni di live, tra piccoli palchi e vetrine importanti come spalla per Bluvertigo, Quintorigo, Cesare Basile.
Tutto ciò ha influito sul sound dei Regina Mab, trasformandolo in un rock compatto, caratterizzato dagli intrecci delle due chitarre e da un’attenzione particolare per il ritmo, grazie ad una sezione ritmica solida ed in bella evidenza.
L’impatto sonoro rimanda ai Pearl Jam più aggressivi (“Le ricette di tua madre”), la chitarra che fende reef ad incorniciare la voce fa l’occhiolino al Buckley più elettrico (“All’anima”), l’approccio ritmico ricco e complesso ricorda il sound “rock-funky” di band americane come gli Incubus (“Ora di punta”).
A nostro parere però le cose migliori succedono quando la distorsione si abbassa di una tacca, quando da “lead” si passa a “crunch”, e trovano maggiore spazio le sfumature della voce e gli intrecci armonici delle chitarre (come in “Gioie del mio regno” o “Soltanto un’onda elettrica”), oppure quando al suono granitico e compatto si sostituiscono pieni e vuoti, come nel brano d’apertura “Senza Rose”, che ha dalla sua anche la sorpresa di una bella chitarra country-pulp. VALERIO MINELLI (data: 03.12.06)

Fuori dal Mucchio recencisce Booq


FUORI DAL MUCCHIO - Regina Mab - "booq" (2006, Manzanilla MusicaDischi/Audioglobe)
Autori di un robusto rock cantato in italiano, che media chitarre aggressive e una spiccata vena melodica, i Regina Mab hanno alle spalle una manciata di produzioni tra album più o meno autoprodotti e demo, essendosi formati ormai una decina di anni fa in quel di Verona. La formula proposta dal quartetto in questo “Booq”, debutto su Manzanilla MusicaDischi, è quella di cui sopra, cui si aggiunge il pregio di aggirare agevolmente il pericolo di finire in quel confuso territorio soft-hard dove si posizionano realtà come i Negramaro, ovvero l’asperità e l’aggressività del rock spiegata in italiano al popolo distratto delle suonerie; ostacolo aggirato grazie ad una innegabile energia che trasuda dagli amplificatori e a testi che utilizzano una lingua semplice ma mai banale e sufficientemente immaginifica. Pregio innegabile, che tuttavia viene un poco smorzato da quello che sembra essere il difetto congenito della formula: una certa vena epico-melodica che rischia sempre di finire sopra le righe. Difetto che in questo caso, ci teniamo a ribadirlo, è sotto la soglia del non ritorno, e che viene completamente esorcizzato e neutralizzato nel breve e pastoso hard blues di “Ora di punta”, puntellato di screziature e fiati, e nel tentativo più che riuscito di ballata scanzonata e notturna intitolata “L’angolo dell’occhio”. Nulla di particolarmente nuovo, nel complesso, ma un rock italiano di più che discreta fattura racchiuso in un disco di buon livello.
Alessandro Besselva Averame (data: 29.11.06)

L'Arena: Recensione singolo Otto


l'ARENA "Otto" (singolo 2005) I Regina Mab non sono certo un gruppo esordiente sulla scena indipendente veronese eppure il loro più recente lavoro, il singolo «Otto», anticipo di un prossimo album, ce li mette di fronte con la rabbia e la sfrontatezza di un gruppo rock di teenager. «Otto» è una delle prime uscite per l'etichetta Manzanilla Musica e Dischi, creata dal vocalist dei Regina Mab, Franco Manzini. Nella "scuderia" della Manzanilla ci sono anche i Lulù Elettrica e gli esordienti Home (a breve una puntata di «Made in Verona» anche su di loro). Questo per dire che il marchio non è stato ideato solo per «fare in casa» i dischi del gruppo del boss ma per appoggiare altre realtà della scena indipendente locale. Per dirla breve: in molti si lamentano dello scarso interesse che suscitano i gruppi base della nostra città senza fare nulla; Manzini, invece, si è tirato su le maniche e si è messo al lavoro per pubblicarne materialmente i dischi. Il singolo «Otto» si presenta bene fin dalla copertina, un collage fotografico della pittrice/illustratrice olandese Nina Valkhoff, ispirata nell'opera proprio dalla musica dei Regina Mab. Con i suoi 4 brani (per un totale di quasi 16 minuti), il cd può essere considerato un mini-album, o quanto meno il lato A di un disco anni '60. Si parte con «All'anima», brano rock dal testo pieno di disillusione e rabbia, dedicato a una donna dallo stile goffo e irritante, incapace di accettare dei fiori in regalo. Svettano le seconde voci e le chitarre di Nicola Tonin e Gabriele Giuliani (completano il gruppo Alberto Franchini e Michele Perazzoli). Ancora un sentimento lontano dalla felicità in «Soltanto un'onda elettrica«, tra i primi Radiohead, i Pearl Jam acustici e gli Estra. «Come stai? Scelgo di non sapere/... / Sei soltanto un'onda elettrica nel mio sensore», canta il frontman dei Regina Mab: non capiamo bene il senso generale ma avvertiamo una certa malinconia, come se avessimo perso qualcosa di cui non ricordavamo l'esistenza. Con le cover di «Fearless» dei Pink Floyd e «Tango» di Paolo Conte, poi, scelgono un bersaglio molto alto. Con «Fearless», a parte la pronuncia inglese, fanno centro, anche perché non si tratta di un brano strafamoso di Waters e Gilmour. Con «Tango» realizzano invece un country rock dal sapore argentino, con la voce non sempre ben presente ma ricco di personalità, specie nelle parti di chitarra. I Regina Mab suoneranno in acustico giovedì 10 novembre in piazza Bra. (data: 01.05.05)

AREA STAMPA

Materiale Gruppo

Band Sito Mail Foto Presskit
Regina Mab

TUTTI I LIVE

Live (Regina Mab)



  • VEN 20.02.2015 - Club il Giardino (Lugagnano, VR) - Regina Mab in "Acoustic Sessions" è FACCIASCURA

  • SAB 09.05.2015 - Mamadanzateatro (Verona) - Regina Mab in "Charles chescalava le piramidi"

  • SAB 16.05.2015 - Bio Bar Bottega (Tregnago, VR) - Regina Mab in "77-82"


  • Eventi passati


  • SAB 07.02.2015 - Circolo Canara (Verona) - Regina Mab in "Acoustic Sessions"

  • SAB 31.01.2015 - Osteria Manegheto (Verona) - Regina Mab in "Acoustic Sessions"

  • VEN 23.01.2015 - Arena Live (Verona) - Regina Mab in "Acoustic Sessions"

  • VEN 03.10.2014 - Trenta Bar (Peschiera, VR) - Regina Mab in "Acoustic Sessions"

  • SAB 20.09.2014 - Sagra dell'allegria (Verona) - Regina Mab in "I racconti del tannino"

  • VEN 04.07.2014 - Forte Sofia (Verona) - Regina Mab in "I racconti del tannino"

  • SAB 03.05.2014 - Mocambo (Inzago, MI) - Regina Mab in "I racconti del tannino"

  • GIO 24.04.2014 - Istituto Seghetti (Verona) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • SAB 19.04.2014 - Piazze dei sapori (Verona) - Regina Mab

  • GIO 03.05.2014 - Mocambo Cafè (Inzago, MI) - Regina Mab in "I racconti del tannino"

  • DOM 25.01.2014 - Festa Radio Popolare (Verona) - Regina Mab

  • VEN-SAB 23-24.01.2014 - Scuola Battisti (Verona) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • VEN 27.12.2013 - EMPORIO MALKOVICH Party (Verona) - Regina Mab + U.A.C.S. + Pistole alla tempia + Dottorconti + altri

  • SAB 16.11.2013 - Teatro Lab Scientifico (Verona) - Regina Mab in "Fioi" prima visione

  • VEN 27.09.2013 - Osteria al Manegheto (Verona) - Regina Mab in "Racconti del tannino"

  • SAB 14.09.2013 - Corte Rugolin (Valgatara, VR) - Regina Mab in 77-82 + DEGUSTAZIONE

  • VEN 12.07.2013 - Festa della Magnolia (Inzago, MI) - Regina Mabin CINEMAB

  • SAB 15.06.2013 - Narrazioni Festival (Poggibonsi, SI) - Regina Mabin FIOI

  • VEN 14.06.2013 - 3a Festa Forte del Chievo (Verona) - Regina Mab in TuttiFrutti

  • SAB 25.05.2013 - 20anni di REGINA MAB - Officina agl'Angeli (Verona) - Regina Mab

  • SAB 06.04.2013 - Latteria Pinotti (Verona) - Regina Mab in "Racconti del Tannino"

  • GIO 14.03.2013 - Osteria Carega (Verona) - Regina Mab in "Racconti del Tannino"

  • SAB 02.03.2013 - Bar Brothers (Grezzana, VR) - Regina Mab in "77-82: gli anni che hanno cambiato il mondo"

  • SAB 23.02.2013 - CAS (Inzago, MI) - Regina Mab in "I racconti del Tannino"

  • SAB 16.02.2013 - Bookique (Trento) - Regina Mab in "77-82: gli anni che hanno cambiato il mondo"

  • DOM 16.12.2012 - Corte Rugolin (Valgatara, VR) - Regina Mab in "Racconti del Tannino" - su prenotazione

  • SAB 15.12.2012 - Corte Rugolin (Valgatara, VR) - Regina Mab in "Racconti del Tannino" - su prenotazione

  • SAB 24.11.2012 - Teatro Scientifico Laboratorio (Verona) - Regina Mab in "Cinemab"

  • VEN 02.11.2012 - Cantine dell'Arena (Verona) - Regina Mab in "I racconti del Tannino"

  • SAB 07.07.2012 - Caruana (Inzago, MI) - Regina Mab in "CINEMAB"

  • SAB 16.06.2012 - Arezzo Festival (Arezzo) - Regina Mab in "77-82"

  • DOM 29.04.2012 - Voglio vivere in campagna @ Villa Venier (Sommacampagna, VR) - Regina Mab +
  • SAB 28.04.2012 - Auditorium De Andrè (Inzago, MI) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte"
  • VEN 30.03.2012 - Riva Mancina (VR) - Regina Mab acoustic showcase

  • SAB 25.02.2012 - B-Side Festival (VR) - Regina Mab acoustic showcase

  • SAB 10.12.2011 - La Caruana (Inzago, MI) - Regina Mab trio in "77-82"

  • SAB 26.11.2011 - Mr Gulliver (Verona) - Regina Mab in "Col sole in fronte" - Aperitivo

  • SAB 05.11.2011 - Teatro Scientifico (Verona) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • VEN 30.10.2011 - Riva Mancina (Verona) - Regina Mab duo

  • VEN 29.07.2011 - La Caruana (Inzago, MI) - Regina Mab trio in "77-82" ore 19:45

  • SAB 25.06.2011 - Narrazioni Festival (Poggibonsi, SI) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 21.05.2011 - Farhenheit 451 (Padova) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • VEN 29.04.2011 - T. LAB (VR) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • VEN 25.04.2011 - Piazza Dante (TN) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • DOM 06.03.2011 - Arci Canara (VR) - Regina Mab trio in "77-82"

  • VEN 28.01.2011 - Circolo della Rosa (Verona) - Regina Mab duo+ prof. Zangarini + Paolo Ragno in "Col sole in fronte"

  • SAB 15.01.2011 - Osteria Castrum (Verona) - Regina Mab trio in "77-82"

  • 2010


  • SAB 13.11.2010 - Metropolis (Verona) - Regina Mab trioin "77-82"

  • MER 10.11.2010 - Libreria Rinascita (Verona) - Regina Mab duo+ prof. Zangarini + Paolo Ragno in "Col sole in fronte"

  • GIO 29.10.2010 - Porto Mancino (Verona) - Regina Mab trioin "77-82"

  • GIO 30.09.2010 - Porto Mancino (Verona) - Regina Mab trioin "77-82"

  • SAB 10.07.2010 - Arezzo Festival (Arezzo) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 03.07.2010 - Narrazioni Festival (Poggibonsi, SI) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte"

  • VEN 02.07.2010 - Musica nel Bosco (Mezzane, VR) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte"

  • DOM 25.04.2010 - Cà Verde (S.Ambrogio,VR) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte"

  • VEN 16.04.2010 - Metropolis Cafè (Verona) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte"

  • GIO 01.04.2010 - Porto Mancino (Verona) - Regina Mab in "77-82"

  • GIO 18.03.2010 - Porto Mancino (Verona) - Regina Mab in "77-82"

  • SAB 20.02.2010 - Emporio Malkovich (Lugagnano, VR) - Regina Mab in "Col Sole in Fronte" - Recording Sessions

  • MER 10.02.2010 - Enosteria (Brescia) - Regina Mab in "77-82"

  • VEN 29.01.2010 - Scuola Fincato-Rosani (Verona) - Regina Mab in "Col sole In Fronte" - ingresso riservato


  • 2009


  • SAB 21.11.2009 - Emporio Malkovich (Lugagnano di Sona, Verona) - Regina Mab in 77-82 + Farabrutto

  • GIO 17.09.2009 - Onirica 09 (Verona) - Regina Mab "Palle da tennis" + Belfi + Arbdesastr

  • DOM 10.05.2009 - Spazio Off (Trento) - Regina Mab in "col sole in fronte"

  • SAB 9.05.2009 - Spazio Off (Trento) - Regina Mab in "col sole in fronte"

  • VEN 24.04.2009 - Circolo della Rosa (Verona) ore 21.00 - Regina Mab in "col sole in fronte"

  • GIO 23.04.2009 - Illasi (Verona) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • SAB 11.04.2009 - Bordolese (S.Martino BA, Verona) - Regina Mab Trio in "1977-1982 gli anni che hanno cambiato il mondo"

  • VEN 7.03.2009 - GATTA CI COVER @ Teatro Nuovo S.Michele (Verona) - Regina Mab

  • MER 18.02.2009 - Bordolese (S.Martino BA, Verona) - Regina Mab Trio in "1977-1982 gli anni che hanno cambiato il mondo"


  • 2008


  • VEN 13.06.2008 - Miroslav Fagocevic Day @ CSAB Bruno (Trento) - Regina Mab in "palle da Tennis"

  • VEN 30.05.2008 - O'MagGIO al libro @ circolo La Proletaria (Verona) - Regina Mab in "Palle da tennis" ore 21.00

  • SAB 24.05.2008 - Dar a bere storie @ Porto Mancino (Via Lazzareto, Verona) - Regina Mab in "Col Sole in fronte" ore 21.00

  • GIO 24.04.2008 - Hostaria agl'Angeli (Verona) - Regina Mab in "Col Sole in fronte" ore 21.00

  • SAB 19.04.2008 - Arteria (Bologna) - Regina Mab in "Palle da tennis" ore 21.00

  • SAB 5.04.2008 - Gran Guardia (Verona) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • DOM 30.03.2008 - Teatro Spazio Off (Trento) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 29.03.2008 - Teatro Spazio Off (Trento) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • VEN 14.03.2008 - Condorito Club (Cuneo) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 8.03.2008 - Circolo Masetti (Bolzano) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • VEN 29.02.2008 - Taverna del Corto Maltese (Verona) - Regina Mab in "Palle da Tennis"

  • VEN 22.02.2008 - Latteria Artigianale Molloy (Brescia) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • VEN 1.02.2008 - Emporio Malkovich (Lugagnano, Verona) - Regina Mab in "Col Sole in fronte"

  • VEN 25.01.2008 - Fishmarket Club (Padova) - Home

  • VEN 25.01.2008 - Officine Sonore (Vercelli) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 26.01.2008 - Cicco Simonetta (Milano) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 19.01.2008 - FNAC ore 17.00 (Verona) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 12.01.2008 - ChioggiaLab (Chioggia, Venezia) - Regina Mab in "Palle da tennis"


  • 2007


  • VEN 14.12.2007 - VIlla Buri - ACOUSTIC SESSIONS (Verona) - Regina Mab in "Palle da tennis" RELEASE MATCH + Dente

  • SAB 14.07.2007 - La Proletaria (S. GiorGIO di S. AmbroGIO Valpolicella, Verona) - Regina Mab "Col sole in fronte"

  • SAB 7.07.2007 - Caribe Club (Mattarello, Trento) - Regina Mab

  • VEN 18.05.2007 - Villa Boschi (Isola della Scala, Verona) - Regina Mab - acoustic selection

  • SAB 28.04.2007 - Arci Taun (Fidenza, Parma) - Regina Mab

  • MAR 24.04.2007 - Hostaria agl'Angeli (Castelrotto di san pietro in cariano, Verona) - Regina Mab in "Col sole in fronte"

  • SAB 17.03.2007 - Madeleine Cafè (GE) - Regina Mab

  • MER 28.02.2007 - DiRadio (PD) - Regina Mab intervista/live

  • SAB 17.02.2007 - Arci Joes (Fidenza,PR) - Regina Mab in "Palle da tennis"

  • SAB 13.01.2007 - Caffè Letterario (BG) - Regina Mab in "Palle da tennis"


  • 2006


  • SAB 9.12.2006 - Avamposto (Legnago, VR) - Regina Mab

  • GIO 7.12.2006 - Lucille (VR) - Regina Mab + guest (the kl.audio)

  • SAB 2.12.2006 - intervista a Voci Indipendenti su Radio Popolare (VR) - Regina Mab

  • SAB 25.11.2006 - Pussy Rock (AT) - Regina Mab

  • VEN 17.11.2006 - Lattepiù (BS) - Regina Mab

  • SAB 11.11.2006 - Cantieri (Alte di Montecchio, VI) - Regina Mab + Zabrinski

  • SAB 4.11.2006 - Tenda (Nogarole Rocca, VR) - Regina Mab + MOLTHENI

  • VEN 3.11.2006 - Al Vapore (Marghera, VE) - Regina Mab

  • VEN 13.10.2006 - Hostaria Agl'angeli (Castelrotto di San pietro in Cariano, VR) - Regina Mab in "Palle da Tennis"

  • SAB 7.10.2006 - 3x (Bedizzole, BS) - Regina Mab

  • GIO 21.09.2006 - GIO di Settembre, Via Cappello (VR) ore 21 - Regina Mab in "Palle da Tennis"

  • SAB 15.07.2006 - Località Ferrazze (VR)- Regina Mab + Teddy Giuliani presentano "Essere così" libero adattamento da Manfred di L.Byron

  • SAB 17.06.2006 - Festone (Quinzano, VR) - Regina Mab

  • MAR 6.06.2006 - Inaugurazione TECA (VR) - Regina Mab - "Palle da Tennis"

  • VEN 2.06.2006 - Agl'Angeli (VR) - Regina Mab - "Palle da tennis"

  • VEN 19.05.2006 - Jack The Ripper (Roncà,VR) - Regina Mab + guest (Huck)

  • SAB 22.04.2006 - CAS (MI) - Regina Mab + Home - Manzanilla Acoustic Night

  • SAB 15.04.2006 - Emporio Malkovich (VR) - Regina Mab in "palle da tennis" + CESARE BASILE

  • VEN 17.03.2006 - Malacarne Social Club (VR) - Regina Mab - "Palle da Tennis" - reading acustico

  • SAB 4.03.2006 - Pussy Rock Pub (AT) - Regina Mab

  • SAB 18.02.2006 - Oficina Buenaventura (Castelfranco, TV) - Regina Mab + Home

  • GIO 26.01.2006 - Jack The Ripper (Roncà, VR) - Regina Mab + guest(Huck)


  • 2005


  • GIO 10.11.2005 - Piazza Brà (VR) - Regina Mab - concerto acustico

  • SAB 8.10.2005 - Coyote LiVEN (VR) - Regina Mab + Home

  • SAB 1.10.2005 - Cortile Tribunale (VR) - Regina Mab - concerto acustico

  • SAB 3.09.2005 - Chiostro Santa Maria in Organo (VR) - Regina Mab - concerto acustico

  • MAR 26.07.2005 - Castello di Villafranca (VR) - Regina Mab - concerto acustico

  • SAB 23.07.2005 - Festival delle idee, Cerea (VR) - Regina Mab - concerto acustico

  • VEN 8.07.2005 - Empirica Festival (VR) - Regina Mab - annullato

  • SAB 2.07.2005 - Estafest (VR) - Regina Mab

  • VEN 21.05.2005 - Otto Party, Foyer del Teatro Nuovo (VR) - Regina Mab + Lulù Elettrica - concerto acustico

  • SAB 30.04.2005 - Emporio Malkovich (VR) - Regina Mab + Marta sui Tubi - concerto acustico

  • SAB 23.04.2005 - Radio Fuori Aula Network (VR) - Regina Mab - showcase acustico

  • DOM 10.04.2005 - Fiera Vinitaly, Palazzo della Gran Guardia (VR) - Regina Mab + Lulù Elettrica - concerto acustico



(data: 31.12.37)

FOTO

NOTIZIE

Il miglior pedalino? È costituzionale!


Le agenzie stampa si sprecano con titoli che non mancheranno di sollevare un polverone in entrambi gli schieramenti parlamentari. "Culturame sinistroide" taglia corto Italo Bocchino, intervistato tra i primi a causa del nome proprio "La Costituzione va rispettata e cambiata, e non di certo data in pasto a un valvolare Marshall". "Iniziativa alla quale potremmo aderire" afferma prudentemente Bersani "una volta controvotato l'eventuale mozione dei capigruppo". "È palese chi abbia sempre difeso il tricolore dagli albori della Storia Repubblicana" dice in una microspia a condensatore Gianfranco Fini. "Non alimentare divisioni" ha ammonito Benedetto XVI, presente a un concerto dei Tokio Hotel durante il quale si è esibito in uno stage-diving che ad alcuni è parso un miracolo di levitazione nell'aria.
Che siano a favore o contro, il nuovo modello di pedalino Boss appena uscito dalle linee di produzione ha fatto parlare di sè. Premendo il bottone principale, infatti, da oggi ogni chitarrista può avviare una lettura integrale della Carta, ad opera di una voce esclusiva: quella di Alessandro Baricco. Con la manopola "drive" si può decidere il grado convinzione del narratore, dal possibilismo riformista del nuovo millennio all'intransigenza dei Padri Costituenti. La livrea tricolore dello chassis ha sollevato qualche dubbio, portando alcuni movimenti cittadini indipendenti a manifestare l'altra sera davanti a Palazzo Grazioli. Il Super Patriot ha già venduto migliaia di esemplari e i "rockettari" della penisola non mancano di sparare il mantra costituzionale durante la pausa prima dei bis, alcuni per convinzione, altri, ormai, per posa.
A Verona, tra i primi a possedere questo gioiellino della tecnologia, sono stati i Regina Mab, formazione gialloblù da tempo impegnata nella trattazione di tematiche sociali. "Gabri" mostra orgoglioso il pedalino tricolore nella sua effettiera con flight-case in alluminio anodizzato, e pigiandolo alternativamente sul riff di "Smoke on the water" improvvisa una sorta di rap accattivante. "Vorremmo far capire al nostro pubblico che l'approfondimento storico è un gesto creativo" e in quel momento lo dimostrano con un crescendo di distorsione: l'effetto complessivo è strabiliante, sull'Art. 63 Baricco sbraita "Ciascuna Camera elegge fra i suoi componenti il Presidente e l'Ufficio di presidenza" con i Mab impegnati in un uragano shoegazer.
E per chi teme che l'oggetto possa diventare obsoleto in seguito a modifiche della Costituzione, niente paura: è possibile aggiornare il firmware tramite connessione internet a banda larga. Tra i gadget inclusi nel prezzo, l'album di figurine collezionabili Panini con tutti i Presidenti della Repubblica e un estrazione a sorte per un esclusivissimo giro turistico a Roma, dall'Aventino ai Giardini del Quirinale. AVL (data: 19.01.10)

Perché la svolta darkwave

Per anni ci hanno fatto sussultare a bordo palco, con invettive sociali, reading impegnati o divertiti approfondimenti storico-sportivi. Per anni li abbiamo seguiti nella loro carriera solidamente rock, votata all'onda quadra, per quanto mediata dalle influenze della penisola. Per anni sono stati semplicemente loro stessi: i Regina Mab.
Ma dall'avvelenamento per piombo della band (ricorderete l'incredibile coincidenza dell'acqua minerale contaminata in un alimentari di Belluno, durante una trasferta) i cinque musicisti non sono più gli stessi. Uno spleen inspiegabile ha pervertito le loro esistenze, modificando le loro abitudini, i loro pensieri, le loro idee. Fino all'incredibile dichiarazione: "non avremo più un batterista, ci basta una TR-808, faremo darkwave con venature EBM". A riferirci la sconvolgente verità il leader della formazione, apparso recentemente con delle vistose occhiaie che non si sa bene se riferire all'avvelenamento da piombo o all'ascolto per venti ore di seguito di "Isolation" dei Joy Division il giorno precedente.
"L'esistenzialismo è tutta una sofisticheria borghese, noi siamo precipuamente nichilisti" ci racconta Franco, spirito inquieto e nuovo look cotonato alla Roberth Smith. "Noi scriviamo prima i testi e poi la musica, raccontiamo di devastazioni planetarie, perdite di animali domestici a noi cari, ma anche delle crescenti difficoltà a coprire le spese per acqua luce e gas: un mondo all'oscuro ci sarebbe più congeniale".
Non c'è dubbio che questa svolta lascerà molti fan sul terreno, e l'intento di produrre un album di un'unica canzone di 74 minuti sui rapporti con la droga segnerà la reputazione del gruppo per sempre. La piece, a metà tra canzone-teatro e performance con body-painting e la proiezione in loop delle esplosioni atomiche tratte dal finale de Il dottor Stranamore, si intitolerà semplicemente "Amor-te". Verrà presentata in anteprima assoluta il prossimo 14 febbraio ad Emporio Malkovich.
Per l'occasione cambio dell'olio gratuito all'auto, se parcheggiata all'interno del garage usato come cucina: per unire coscienza ambientale e sfiducia nel futuro. (data: 01.12.09)